L’istruzione delle ragazze è  la STRATEGIA MIGLIORE per sradicare il matrimonio precoce

L’istruzione delle ragazze è la STRATEGIA MIGLIORE per sradicare il matrimonio precoce

Jim è stata costretta ad abbandonare la scuola quando sua madre si è rifiutata di permetterle di continuare i suoi studi, ma grazie alla perseveranza dei suoi insegnanti e di Plan International, è stata in grado di continuare. In Laos, Plan International realizza campagne di sensibilizzazione e promuove l’educazione delle ragazze come strategia per sradicare il matrimonio precoce.

Jim, 16 anni, ha un sogno. Vuole diventare chef e avviare la propria panetteria a Vientiane, la capitale del Laos. Va ancora a scuola nel suo piccolo villaggio rurale nel distretto di Houne, nel nord del paese, e ha ancora molta strada da fare prima di realizzare il suo sogno, ma lei crede che sia possibile.

Però non è sempre stato così. Fino a qualche tempo fa sembrava che la sua vita fosse destinata ad essere simile a quella di molte altre ragazze adolescenti del Laos. “Mia nonna si è ammalata e aveva bisogno di essere curata e accudita, quindi mia madre mi ha detto che dovevo lasciare la scuola”, dice.

Il padre di Jim lavora in una piantagione di banane e, da quando sua nonna si era ammalata, sua madre non era in grado di gestire tutte le faccende domestiche mentre si prendeva anche cura di sua madre.

Anche la sorella minore di Jim frequenta la scuola. Sua sorella maggiore è già sposata e  suo fratello lavora in una fattoria di cocomeri a Vientiane. Sebbene suo fratello a volte mandi soldi a casa, la famiglia lotta per la sopravvivenza.

In Laos, in particolare nelle regioni rurali, le ragazze hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola molto prima dei ragazzi. Uno dei motivi è che il matrimonio precoce, è ancora una pratica comune nel paese. Il Laos ha inoltre uno dei più alti tassi di gravidanze precoci del sud-est asiatico.

Le norme sociali contribuiscono all’abbandono degli studi da parte delle ragazze, poiché la loro istruzione non è valutata tanto quanto quella dei ragazzi. “Alcuni genitori costringono ancora le loro figlie a sposarsi. Ma poco a poco questo problema sta iniziando a essere compreso meglio da sempre più persone”, spiega Chanthachone Vongphet, un insegnante locale.

Anche il cambiamento climatico gioca un ruolo in tal senso. La siccità crescente ha un impatto sui raccolti pertanto molte famiglie chiedono ai bambini di rimanere a casa per aiutare con le faccende domestiche e i lavori nei campi. Di solito le figlie sono le prime ad essere ritirate dalla scuola per aiutare le loro famiglie.

Plan International promuove l’istruzione delle ragazze in Laos con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri finlandese. Il nostro lavoro si concentra sull’aiutare le ragazze a terminare gli studi con interventi a 360º orientati a migliorare i servizi sanitari per le giovani, ridurre i matrimoni precoci, prevenire le gravidanze adolescenziali e dar lezioni di educazione sessuale.

Abbiamo sviluppato materiali didattici specifici per giovani, insegnanti e operatori sanitari ed abbiamo coinvolto i giovani nella progettazione dei materiali. Abbiamo anche istituito club giovanili per discutere i diritti delle ragazze e l’importanza dell’istruzione, gli impatti negativi dei matrimoni precoci e le questioni di uguaglianza. Nei club, gli alunni imparano anche a cucinare, cantare, fanno lezioni di teatro, pittura, scultura e praticano sport.

L’insegnante Vongphet gestisce uno di questi club giovanili che conta più di 40 membri. Il club funciona principalmente nel pomeriggio dopo la fine delle lezioni. I partecipanti vengono a conoscenza dei loro diritti e sono incoraggiati a diffondere questi messaggi tra i loro amici en ella loro comunità.

“Ho imparato molto sull’uguaglianza, la società e i diritti umani”, afferma Thongxai, 15 anni, uno dei partecipanti al club.

Ontem, Tamon e Therng, socie del club Duangdy affermano che molte ragazze di 15 anni, proprio come loro, sono già state costrette a sposarsi.

“Quando una famiglia è povera, i genitori pensano che l’unica opzione sia quella di far sposare la figlia, anche se dovrebbero dar priorità alla sua istruzione”, spiega Tamon.

Il nostro lavoro nella comunità ha già dato i suoi frutti dato che già si registra una diminuzione del numero di matrimoni precoci nelle aree vicine. Vongphet osserva che, in generale, le alunne sono più felici, hanno acquisito fiducia in se stesse, appreso nuove abilità e sono anche riuscite a sviluppare il loro potenziale in diversi ambiti.

Parlare insieme di argomenti difficili da affrontare ma che gli stanno a cuore le aiuta a tranquillizarsi. “Molte di queste ragazze erano molto timide, ma adesso hanno molta più fiducia. Hanno imparato a discutere di questioni delicate come il matrimonio precoce”, dice Vongphet.

“Qui possiamo parlare liberamente di tutto ciò che vogliamo”, dice Tamon.

Il cambiamento si verifica in vari ambiti. Ad esempio, ora le ragazze si interessano maggiormente alle attività sportive. Ragazze e ragazzi si dividono le pulizie e partecipano, in parti uguali, nei lavori di costruzione e giardinaggio.

Grazie ai nostri interventi, la madre di Jim ora comprende l’importanza dell’istruzione e, dopo un mese e mezzo di assenza, con l’aiuto dei suoi insegnanti e dei membri dello staff di Plan International che hanno visitato la sua famiglia Jim è tornata a scuola.

“Mio padre ha sempre sostenuto la mia istruzione, ma mia madre no. Il mio insegnante è venuto a casa un paio di volte per parlare con lei. Durante la prima visita l’insegnante e mia madre non hanno fatto altro che litigare, ma la seconda volta mia madre ha cominciato a capire l’importanza della scuola”, dice Jim.

La sua vita non è affatto facile. Jim deve aiutare molto i suoi genitori nelle faccende quotidiane. Cucina, va a prendere l’acqua, dà da mangiare a polli e anatre. Ogni giorno Jim deve anche preparare il pranzo per se stessa e per il resto della famiglia.

La scuola è a circa sei chilometri da casa sua. Per fortuna però, Jim ha uno scooter quindi almeno non deve fare lunghi percorsi a piedi. Le piace molto la scuola. Soprattutto le piacciono la letteratura e la geografia. Dice che l’analfabetismo è un gravissimo problema per migliaia di ragazze in Laos. “L’analfabetismo ha un impatto molto negativo sul futuro di tante ragazze.”

Interessante? Condividi: