Migliori servizi climatici in africa meridionale

Migliori servizi climatici in africa meridionale

Il progetto FOCUS*- Africa mira a sviluppare migliori servizi climatici nella regione dell’Africa Meridionale in quattro settori chiave: agricoltura e sicurezza alimentare, acqua, energia e infrastrutture. L’obiettivo è quello di massimizzare i benefici socio-economici di questi servizi nella regione e, potenzialmente, in tutta l’Africa. Il progetto è finanziato dal programma dell’Unione Europea Horizon2020.

Dove

Il progetto si realizzerà in sei paesi dell’Africa Meridionale: Sud Africa, Malawi, Mozambico, Tanzania, Zambia, Mauritius. Plan Italia implementerà le attività solo in Mozambico, nella Regione di Nampula, assieme ai partner del progetto. 

Durata

48 mesi a partire dalla primavera del 2020.

Obiettivi e risultati principali

FOCUS-Africa ha tre obiettivi generali:

1. Promuovere il modo in cui le informazioni sul clima vengono elaborate e utilizzate nel processo decisionale, incluso per la sua diretta adozione da parte dei fornitori regionali e nazionali di servizi climatici;
2. Utilizzare le lezioni apprese da parte degli attori attivi e coinvolti nei paesi target e in altri paesi Africani ed Europei;
3. Contribuire al progresso delle conoscenze scientifiche attraverso pubblicazioni, relazioni e l’innovazione scientifica per migliorare l’utilizzo delle informazioni sul clima, incluse le previsioni e proiezioni climatiche.

I beneficiari del progetto

I beneficiari diretti del progetto in Mozambico saranno i piccoli agricoltori locali. 

Perché  in Mozambico?

Il Mozambico si colloca al terzo posto tra i paesi africani più esposti al cambiamento climatico ed ai pericoli meteorologici pertanto soffre sistematicamente di cicloni, siccità e inondazioni. Tali eventi colpiscono in particolare le aree rurali e marginali, aggravando i problemi di sicurezza alimentare nelle comunità agricole di piccoli proprietari. La maggior parte dei 3,2 milioni di piccoli agricoltori del Mozambico coltivano cereali e legumi in ambienti con poche risorse dove i raccolti vengono alimentati dalla pioggia, cosa che li rende estremamente vulnerabili all’aumento delle temperature e alle piogge irregolari.

Le zone costiere della provincia di Nampula, dove verrà implementato questo progetto, negli ultimi 3 anni hanno avuto pochissime precipitazioni. La FAO classifica l’area come una delle più rischiose per la sicurezza alimentare nel paese. I problemi attuali ai quali devono far fronte gli agricoltori sono lo scarso accesso alle varietà di colture predisposte per il clima e la scarsa preparazione e resilienza ai cambiamenti climatici.

PARTNER DEL PROGETTO

Il progetto sarà implementato da vari partner nei diversi paesi, sotto il coordinamento del WMO (World Methereological Organization), leader del consorzio di ONG. Per quanto riguarda il Mozambico, Plan International collaborerà con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’istituto Agronomico del Mozambico. 

Ruolo di Plan International

Plan International implementerà direttamente le attività del progetto nel paese. I problemi che affliggono la regione di Nampula, saranno affrontati con una combinazione di ricerca climatica e agronomica volta a fornire ai piccoli agricoltori la capacità di abbinare delle varietà di semi più resistenti ai cambiamenti climatici e previsioni stagionali più efficienti. 

Il progetto utilizzerà un approccio multidisciplinare per fornire servizi climatici agli utenti finali – in questo caso gli agricoltori – attraverso: (1) lo sviluppo di strumenti che forniscono previsioni stagionali migliorate e (2) l’identificazione, caratterizzazione e sperimentazione di varietà di riso più resistenti ai cambiamenti climatici.

*FOCUS: Full-value chain Optimised Climate User-centric Services for Southern Africa