MENUMENU
La violenza contro le bambine

La violenza contro le bambine

La violenza di genere impedisce alle ragazze di raggiungere il loro vero potenziale.

Cos'è la violenza di genere?

La violenza di genere contro i bambini fa riferimento alla violenza che colpisce i minori a causa degli stereotipi e dei ruoli attribuiti o attesi in base alla loro identità di genere.
La vulnerabilità delle bambine e bambini alla violenza deriva dal semplice fatto che dipendono dai loro genitori o tutori per il loro sviluppo, salute e benessere. A volte, i bambini sono visti come proprietà dei loro genitori o tutori, rendendoli vulnerabili agli abusi, all'abbandono, allo sfruttamento e, in definitiva, alla violenza. Il genere diventa un importante fattore di vulnerabilità.
La violenza di genere colpisce in modo sproporzionato a donne e bambine, in particolare attraverso determinate forme di violenza come il matrimonio infantile, la violenza domestica, le mutilazioni genitali femminili, la tratta di esseri umani o crimini d'onore. Per questo motivo, Plan International si concentra sulla cessazione della violenza contro le donne, la protezione e la lotta per i loro diritti e la conoscenza dei loro bisogni.

Dove succede?

Le bambine e le giovani donne subiscono violenza domestica, dalla violenza fisica alla violenza sessuale, emotiva o psicologica. La violenza è accettata come una "questione privata" e per questo impedisce alle  persone esterne di intervenire e che le stesse donne denuncino.
La scuola e il cammino verso essa può rappresentare anche il luogo in cui le ragazze subiscono violenza, aggressione, molestie e intimidazioni. Questa violazione dei diritti, specialmente quando sono commesse da posizioni di autorità, può influenzare la capacità e la motivazione delle giovani donne.