Investire nell’istruzione superiore delle ragazze potrebbe aumentare il PIL delle economie emergenti di un 10%

Investire nell’istruzione superiore delle ragazze potrebbe aumentare il PIL delle economie emergenti di un 10%

In base a quanto dichiarato in nuovo studio preparato congiuntamente dall’istituto finanziario Citi e dall’ONG Plan International, le economie emergenti nelle quali il tasso d’istruzione superiore delle ragazze è del 100%, entro il 2030 potrebbero vedere un aumento del PIL di circa il 10%.

Il rapporto “A Holistic Investing in Girls – Improving Lives, Harnessing Potential, Benefitting All” rivela che, nelle economie emergenti, investire €1,30 al giorno per ogni ragazza avrebbe un enorme impatto sullo sviluppo economico complessivo dei paesi.

Secondo l’UNESCO, oltre 130 milioni di ragazze e adolescenti in tutto il mondo non andavano a scuola prima della crisi del COVID-19 e più di 11 milioni, a causa della crisi, saranno obbligate ad abbandonare gli studi in maniera definitiva.

Nel mondo, le ragazze adolescenti, ma soprattutto quelle che vivono nei paesi in in via di sviluppo, incontrano grossi ostacoli nell’accesso ad un’istruzione di qualità, nel raggiungere l’indipendenza economica, nel partecipare al mercato del lavoro e nel vivere una vita libera dalla violenza.

“La cosa più importante per superare questa crisi è che i piani di ripresa contemplino un investimento globale nelle ragazze, che non solo si concentri sull’istruzione, ma che affronti anche le altre barriere che impediscono il loro sviluppo come é il caso del matrimonio precoce, della violenza o delle gravidanze adolescenziali. Quest’investimento si tradurrebbe in un aumento del PIL e in un alto ritorno sugli investimenti per i paesi oltre che in un mondo più giusto”, spiega Concha López, Direttore Generale di Plan International.

I vantaggi economici più importanti si concreterebbero dopo il 2030, grazie agli effetti cumulativi, e tenendo conto dell’impatto dell’educazione di ragazze e adolescenti sulle famiglie e sulle comunità.

“Il valore della collaborazione tra Citi e Plan International sta nel riunire l’esperienza che le rispettive organizzazioni hanno nell’ambito economico e sociale e nel presentare argomenti solidi per gli investitori che tengono conto di molteplici componenti”, spiega Andrew Pitt, Direttore Globale della Ricerca presso Citi. Pitt aggiunge: “L’eliminazione delle barriere all’istruzione e allo sviluppo delle ragazze può essere la chiave per raggiungere molti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite”.

Lo studio si divide in tre parti. Da un lato, un approfondimento delle complesse barriere che affrontano le ragazze adolescenti, nonché un’analisi degli interventi necessari per superarle. In secondo luogo, una nuova analisi economica sui possibili costi e benefici economici che potrebbero essere ottenuti attraverso una serie di interventi; e, infine, le raccomandazioni su come i diversi settori potrebbero collaborare per affrontare efficacemente gli ostacoli che impediscono il progresso delle ragazze adolescenti.

Uno dei principali problemi della ricerca è stata la mancanza di dati affidabili e disaggregati. Citi e Plan International hanno collaborato per colmare questa lacuna informativa, creando la serie di indicatori e dati più completa finora esistente sui vantaggi economici e sociali dell’investimento su ragazze, adolescenti e giovani.

Il rapporto conclude che investire nello sviluppo delle ragazze adolescenti avrà ripercussioni positive che andranno ben oltre l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 5 dell’uguaglianza di genere. L’importanza dell’istruzione e dell’emancipazione delle ragazze è legata a diversi obiettivi, tra cui la promozione della pace e la riduzione dei conflitti (OSS 16), l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari (OSS 6) e l’azione per il cambiamento climatico (OSS 13).

Le Nazioni Unite stanno promuovendo collaborazioni tra il settore privato, il settore pubblico, le organizzazioni non governative e le istituzioni filantropiche per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e questa ricerca è un esempio dei grandi vantaggi di questo tipo di collaborazioni interdisciplinari.


Per ulteriori informazioni:

Francesca Mondello, Consulente di Comunicazione, E-mail: comunicazione@plan-international.org,  Telefono:  +39 039 6848701

Interessante? Condividi: