APPELLO PER LA PROTEZIONE DEI BAMBINI MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO AL CONFINE TRA BIELORUSSIA E LA UNIONE EUROPEA

APPELLO PER LA PROTEZIONE DEI BAMBINI MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO AL CONFINE TRA BIELORUSSIA E LA UNIONE EUROPEA

Fonti ufficiali indicano che più di 5.000 persone stanno affrontando condizioni estreme al confine tra Bielorussia e Polonia.

Chiediamo che tutti i bambini richiedenti asilo, rifugiati e migranti al confine tra Bielorussia e la UE siano protetti da ogni forma di violenza e che vengano soddisfatti i loro bisogni primari in quanto a riparo, cibo, acqua e assistenza medica.

L’attuale crisi umanitaria ha causato almeno dieci morti e lasciato migliaia di persone, compresi i bambini, bloccati in condizioni estreme, esacerbate dal rigido inverno, dalla pandemia del COVID-19 e dalla violenza. 

Un portavoce di Plan International ha detto: “Le ragazze e le giovani donne rifugiate e migranti sono particolarmente vulnerabili alla violenza, agli abusi sessuali e allo sfruttamento. È spaventoso che così tante persone debbano lottare quotidianamente per la loro sopravvivenza avvolte da un freddo estremo. Dobbiamo agire immediatamente.”   

I minorenni sfollati hanno diritti specifici garantiti dal diritto internazionale umanitario, senza discriminazioni e indipendentemente dal loro status di migrante, richiedente asilo o rifugiato.  Il principio di non respingimento deve essere rispettato, il che significa che nessuna persona dovrebbe essere rimandata in un paese dove la sua vita è in pericolo.

LE AUTORITÀ DEVONO PROTEGGERE E RISPETTARE I DIRITTI DI TUTTE LE PERSONE COINVOLTE

Secondo fonti ufficiali, più di 5.000 persone si trovano alle intemperie al confine tra Bielorussia e Polonia. La maggior parte sono curdi dell’Iraq, ma ci sono anche persone provenienti da Siria, Iran, Afghanistan, Yemen e Camerun. Tra le persone intrappolate in questa situazione ci sono gruppi estremamente vulnerabili: minorenni non accompagnati, ragazze, donne incinta, famiglie con bambini e persone disabili.

Plan International esorta le autorità a rispettare i diritti umani, la sicurezza e la dignità dei minori e degli adulti coinvolti in questa crisi e a consentire alle organizzazioni umanitarie l’accesso alla zona di confine in modo che possano offrire assistenza e soddisfare i bisogni urgenti delle persone coinvolte in questa crisi.  

Interessante? Condividi: