Leader comunitari firmano una petizione per abolire le mutilazioni genitali femminili
Leader comunitari firmano una petizione per abolire le mutilazioni genitali femminili ©Plan/Seydou Dolo

Mutilazioni genitali femminili

In tutto il mondo, si stima che 140 milioni di bambine e donne siano vittime delle mutilazioni genitali. Si calcola inoltre che 180.000 ragazze e giovani donne provenienti da famiglie immigrate siano a rischio di mutilazione genitale femminile in Europa. In Italia vivono almeno 39.000 donne e bambine immigrate mutilate ai genitali.

Che cosa sono?

Le Mutilazioni Genitali Femminili riguardano tutte le pratiche che comportano la parziale o totale rimozione degli organi genitali femminili esterni, non per ragioni mediche. La pratica danneggia la salute e il tessuto genitale femminile, causando delle interferenze con le naturali funzioni dell’organismo femminile. Inoltre è molto dolorosa e ha effetti sulla salute sia a breve sia a lungo termine, tra cui problemi durante il parto.

Perchè si praticano?

Le Mutilazioni Genitali Femminili o MGF si praticano in molte zone del mondo per varie ragioni:

  • tradizioni della comunità
  • salvaguardia della verginità delle ragazzine
  • accettazione da parte della società e, soprattutto, del futuro marito
  • errata convizione che la MGF faciliti una maggiore igiene
  • a garanzia dell'onore della famiglia
  • errata convinzione che determini un aumento della fertilità

Le conseguenze

Le donne che hanno subìto le mutilazioni genitali:

  • hanno maggiori probabilità di morire di parto
  • hanno maggiori probabilità di partorire un bambino già morto
  • sono più soggette ad avere una fistola
  • sono più soggette ad avere infezioni all'utero, alla vagina e malattie infiammatorie pelviche
  • sono più soggette ad avere problemi psicologici dovuti al trauma della mutilazione
  • riscontrano gravi danni al sistema riproduttivo e significative disfunzioni sessuali

Cosa fa Plan International

Plan International ha l'obiettivo di eliminare questa pratica barbara in tutte le comunità in cui opera. In particolare si impegna a:

  • aumentare la conoscenza sulle conseguenze delle MGF rendendo le stesse bambine e ragazze consapevoli dei loro diritti
  • assicurare che le donne siano a conoscenza degli effetti sulla salute delle MGF. Importante passo verso l’abbandono di tale pratica, in quanto sono proprio le donne a praticare l’escissione o infibulazione e le madri sono sottoposte a una forte pressione  che le spinge a mettere a rischio la vita delle loro figlie pur di sottostare alle tradizioni comunitarie
  • coinvolgere gli uomini e i ragazzi. Importante perchè hanno spesso un forte potere e influenza nella vita dei villaggi e all’interno delle famiglie
  • creare consapevolezza sulle conseguenze negative delle MGF e per promuovere l’uguaglianza di genere a tutti i livelli. Facciamo ciò creando un confronto positivo e basato su solide affermazioni ed esperienze per portare tutti i membri delle comunità a comprendere che le loro credenze su questa pratica sono infondate. Utilizziamo strumenti che possono raggiungere il maggior numero di persone (radio, concerti, ecc..)
  • si impegna affinchè sia assicurata una protezione legale per le bambine e le donne.
  • collabora con i governi per aiutarli a comprendere tutte le violazioni dei diritti delle bambine e donne che le MGF comportano e li supportiamo nella definizione e implementazione di leggi e programmi nazionali per eliminare la pratica
  • dà supporto a coloro che vivono con le conseguenze della MGF
  • fornisce il personale sanitario e guaritori tradizionali su come riconoscere, affrontare e curare i danni provocati dalla MGF

 

 

Interessante? Condividi: