18/11/2016

Lo sai che al mondo ci sono più cellulari che WC?

Il 19 novembre si celebra il World Toilet Day, può sembrare una data senza significato, ma non lo è se si considera che al mondo 2,4 miliardi di persone non hanno servizi igienici adeguati – e per “adeguato” si deve intendere una latrina con un coperchio che scarica nel suolo e un pavimento lavabile – ma ancora peggio 1 miliardo e 100 milioni di individui non ha proprio nulla e deve defecare all’aperto: in pratica ci sono più cellulari che servizi igienici, infatti il 75% delle persone ha un cellulare mentre solo il 64% ha accesso a un WC.

E non avere accesso ai servizi igienici significa contaminare l’ambiente con le feci, non avere la possibilità di lavarsi le mani e di seguire le minime norme igieniche favorendo così una diffusione incontrollata di agenti patogeni come l’Escherichia coli, il colera, il rotavirus e la giardia. Nei minori dei casi si soffre di diarrea, tuttavia la dissenteria può essere letale specie nei bambini sotto i 5 anni, causando gravi formi di disidratazione. La dissenteria uccide più bambini nel mondo dell’AIDS, della tubercolosi e della malaria insieme

E gli effetti sono devastanti e a lungo termine: 1) denutrizione: il 50% della denutrizione mondiale è associata a infezioni dovute a scarsità di igiene. La denutrizione è causa del 50% delle morti infantili. Inoltre la denutrizione cronica ha un severo impatto sullo sviluppo cognitivo e fisico dei bambini e può diminuire il loro futuro potenziale di guadagno di circa il 10%; 2) riduzione della frequenza scolastica e abbandono: ogni anno i bambini saltano all’incirca 443 milioni di giorni di scuola a causa di malattie associate alla scarsa igiene. Inoltre le bambine, quando si sviluppano, abbandonano la scuola per la mancanza di servizi igienici adeguati: circa i 2/3 delle scuole primarie nei Paesi in via di Sviluppo non hanno servizi igienici maschi e femmine separati, per esempio in India il 20% delle bambine non va più a scuola dopo l’arrivo del menarca e solamente con l’introduzione di servizi igienici separati si ha un incremento della frequenza scolastica delle bambine; 3) impoverimento economico: ogni anno l'economia mondiale perde 260 miliardi di dollari in spese sanitarie e in produttività a causa della mancanza di servizi igienico-sanitari. Tale cifra corrisponde al PIL totale annuo di più di 128 Paesi in tutto il mondo, tra cui Nuova Zelanda, Finlandia, Kenya e Vietnam. 

Soluzione: per contenere la situazione occorre creare servizi igienici e informare sulle minime norme sanitarie, la sola costruzione di WC riduce i casi di dissenteria del 37,5%. Per cui Plan International nei 51 Paesi in via di Sviluppo dove opera lavora anche per aumentare l’accesso sostenibile ai servizi igienico-sanitari: nel 2015 ha aiutato 4,8 milioni di persone ad averne accesso.

Scopri  i 10 “Lo sapevi che…” cliccando qui


Interessante? Condividi: