Conferenza stampa di presentazione della nuova legge con esponenti di Plan International Guatemala e delegati delle organizzazioni locali per i diritti delle bambine.
Conferenza stampa di presentazione della nuova legge con esponenti di Plan International Guatemala e delegati delle organizzazioni locali per i diritti delle bambine. © Plan International
17/11/2015

Il Guatemala dice STOP ai matrimoni prematuri

Il 5 Novembre in Guatemala si è detto STOP ai matrimoni prematuri, il Congresso Nazionale del Guatemala ha modificato il codice civile in merito al tema dei matrimoni mettendo come età minima i 18 anni sia per le ragazze sia per i ragazzi.

Prima di questa data l’età legale per contrarre un matrimonio per le bambine era i 14 anni e per i ragazzi i 16 anni. Dal 2009 al 2013 più di 80.000 bambine sotto i diciott’anni sono state costrette a sposarsi, per la maggior parte dei casi con uomini con il triplo della loro età.

La nuova legge è stata resa possibile grazie alle trattative durate tre anni portate avanti da Plan International con la sua Campagna mondiale Because I am a Girl, in collaborazione con alcune organizzazioni civili a favore dei diritti delle bambine.

Un tale importante risultato è stato ottenuto tramite un’ampia mobilitazione delle persone in ogni unità di programma di Plan International Guatemala, coinvolgendo attivamente i bambini, i membri delle comunità e i loro leader. Contemporaneamente con l’appoggio degli ambasciatori del Canada e del Regno Unito si è agito a livelli diversi per aumentare la consapevolezza sulle problematiche dovute ai matrimoni prematuri.

“La nuova legge è una pietra miliare nella storia del Guatemala” – spiega il Direttore Nazionale di Plan International Italia, Tiziana Fattori – “in quanto proteggerà le bambine dagli abusi sessuali, dalle gravidanze precoci, dalle violenze fisiche e psicologiche. Ora le bambine potranno continuare la loro istruzione e a esprimere pienamente il loro potenziale”.

Per Plan International la nuova sfida è diffondere la legge nelle comuntà, in particolare in quelle rurali dove le tradizioni e le culture ancora rinforzano i matrimoni prematuri e garantire l’attuazione della legge.

Plan International Italia sostiene la Campagna Because I am a Girl con due progetti: uno a San Pedro Carcha in Guatemala per la scolarizzazione delle bambine e il secondo a Mansa in Zambia per l’introduzione nel mondo del lavoro di 600 ex spose bambine.

 

 


Interessante? Condividi: