Vuoi maggiori informazioni?

Rispondiamo volentieri alle tue domande

Da lunedì a venerdì
09:00 - 18:00
Nelle regioni montuose del nord della Thailandia vivono molte minoranze etniche.
Nelle regioni montuose del nord della Thailandia vivono molte minoranze etniche.© Plan International/Peter de Ruiter

La Thailandia in numeri

La Thailandia si trova nel sud-est asiatico e ha accesso sia sul Pacifico sia sull'Oceano Indiano. Nel sud del Paese è ancora in crescita la foresta pluviale tropicale, che, invece, è stata prevalentemente eliminata in altre parti della Thailandia. Le regioni centrali sono fertili  e sono anche i centri economici del paese. Il Nord è prevalentemente montuoso e non lascia spazio all'agricoltura intensiva. Qui vivono le minoranze etniche della Thailandia.

Abitanti 67,0 Mln. (Italia: 60,7 Mln.)
L'aspettativa di vita 74 Anni (I: 80 Anni)
La mortalità infantile 12 su 1.000 (I: 5 su 1.000)
PNL** pro capite 5.210 USD (I: 35.540 USD)
Tasso di alfabetizzazione Donne 98 %, Uomini 98 %
Superficie 513.115 kmq, (I: 301.338 kmq)
Capitale Bangkok
Le lingue nazionali Thailandese
Religione Buddismo (95%), altri culti
* su 1.000 nati vivi
** Prodotto Nazionale Lordo
*** nei giovani (15 - 24 anni)
Fonti: UNICEF "State of the World's Children 2014", UNDP "Rapporto sullo sviluppo umano 2014", Ministero degli Affari Esteri

Storia

La Thailandia - che è stata a lungo conosciuta con il nome di Siam - per secoli mantenne la sua indipendenza. Nel 1782 Rama I fondò la dinastia Chakri tuttora regnante. Nel 1932 dopo un colpo di stato fu introdotta la monarchia costituzionale con una costituzione parlamentare. Nel 1939 il Siam fu denominato Thailandia. Per decenni ci fu l'instabilità politica, con diverse costituzioni e frequenti cambi di governo. Nel 1992 si è avviato il processo di democratizzazione. La rapida crescita economica del Paese è stato rallentata dalla crisi asiatica alla fine del 1990.

La situazione attuale

Da quando, nel 2006, il primo ministro della Thailandia, Thaksin Shinawatra, è stato estromesso da un colpo di stato militare, il Paese ha assistito e assiste ancora a sanguinosi conflitti tra i sostenitori di Thaksin e l'élite monarchica di Bangkok. Dal 2011-2014 il primo ministro è stato Yingluck Shinawatra, sorella dell'ex primo ministro. Dopo le manifestazioni violente contro Yingluck alla fine del 2013 il parlamento è stato sciolto. Tuttavia le elezioni del febbraio 2014 non hanno prodotto alcun risultato. A maggio 2014 Yingluck è stata deposta dalla Corte Costituzionale per abuso di autorità. Sono previste nuove elezioni. Nel 2011 violente piogge monsoniche al nord e al centro della Thailandia hanno causato gravi inondazioni.

Interessante? Condividi: