Ex bambini sostenuti a distanza insegnano alle future generazioni: Robson e Sandra sono un modello per la loro classe.
Ex bambini sostenuti a distanza insegnano alle future generazioni: Robson e Sandra sono un modello per la loro classe. © Plan International

Da bambini sostenuti a insegnanti

Robson e Sandra hanno molto in comune: entrambi vivono in Zimbabwe e lavorano come insegnanti nel distretto di Mutare. Entrambi attribuiscono molta importanza all'istruzione e sono felici di poter condividere il loro sapere e di ispirare i giovani. Ed entrambi sono cresciuti nell'estrema povertà.

“E' stato difficile, perché la mia famiglia era veramente povera”, racconta Sandra ripensando alla sua infanzia. “Guardavo con ammirazione gli altri bambini che indossavano l'uniforme scolastica e portavano scarpe e calzini mentre io dovevo camminare a piedi nudi, persino per andare in bagno”. Anche Robson ha affrontato fin da bambino esperienze difficili: “Mio padre morì quando ero piccolo. E' stato un periodo non facile per noi”.

E' ammirevole come Robson e Sandra hanno superato queste difficoltà grazie alla loro tenacia e determinazione. I due hanno ancora una cosa in comune: sono entrambi ex bambini adottati a distanza.

Nuove possibilità

“Sono stata adottata a distanza quando ero in seconda elementare, avevo otto anni. Grazie all'adozione ho ricevuto libri scolastici per studiare e la mia vita è cambiata”, racconta Sandra. Anche Robson è d'accordo con lei: la possibilità di studiare e il suo percorso scolastico dipendono soprattutto dal sostegno ricevuto dal suo donatore. “Attraverso l'adozione a distanza ho potuto pagare le tasse scolastiche e andare a scuola. Uso ogni giorno del mio lavoro per trasmettere ai miei studenti l'importanza dello studio. Sandra racconta come questa generosità l'abbia profondamente colpita: “Non è stato un diritto, semmai un privilegio, per me, essere stata adottata a distanza. Io ho avuto questa fortuna, nessun altro. Questo mi ha motivata fortemente a studiare di più e a migliorarmi”.

Dare l'esempio

Oggi sfruttano la loro perseveranza per dare il buon esempio. Incoraggiano gli studenti a porsi degli obiettivi e a raggiungerli. In ogni ora di lezione mostrano la loro passione per l'insegnamento. “Cerco di far capire ai ragazzi che anche loro possono farcela, se si impegnano. Come sono riuscito io”, dice Robson, orgoglioso. 

Inoltre Robson e Sandra hanno un'altra caratteristica in comune: incarnano l'energia di investire nei ragazzi e nel loro futuro per rendere il mondo un poco migliore. Le adozioni a distanza di Sandra e Robson hanno così un lento, ma sempre positivo effetto: sono la prova che tutto è possibile, se i ragazzi sfruttano appieno il loro potenziale. Adottando a distanza si può vincere la povertà, dando un futuro ai bambini, alla loro comunità e alle future generazioni.

Interessante? Condividi: