Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Annette, Bridget e Josephine mantengono la loro famiglia grazie agli AfriPads.
Annette, Bridget e Josephine mantengono la loro famiglia grazie agli AfriPads. ©Plan International/Nyani Quarmyne
19/11/2014

World Toilet Day: per un mondo più sicuro

Il 19 novembre si celebra il World Toilet Day, perché nel mondo vi sono ben 2,5 miliardi di persone che non hanno accesso a servizi igienici adeguati. Questo si riflette negativamente sulle bambine che rischiano di essere abusate in cerca di un luogo appartato, inoltre quando entrano nella pubertà saltano la scuola per la mancanza di bagni nelle scuole.

Il 19 novembre si celebra il World Toilet Day, perché nel mondo vi sono ben 2,5 miliardi di persone che non hanno accesso a servizi igienici adeguati e questo si riflette negativamente sulla sicurezza di bambine e donne che rischiano di essere rapite o abusate in cerca di un luogo appartato.

Ma non solo: molte bambine saltano la scuola quando entrano nella pubertà per mancanza di servizi igienici nelle scuole: Plan International, nella sua lunga esperienza, ha sperimentato che costruire bagni maschi-femmine separati porta a un aumento della frequesta scolastica da parte delle bambine del 15%.

Ma un altro motivo essenziale per cui le bambine saltano la scuola durante le mestruazioni è dovuto al fatto che non si possono permettere assorbenti usa e getta e utilizzano stracci, foglie di banano, giornali, rimedi poco efficienti che causano imbarazzo, disagio e le costringono a stare a casa.

Plan ha sviluppato in 53 villaggi in Uganda un programma per la gestione della salute femminile durante le mestruazioni e ha realizzato una partnership con un'impresa sociale locale che produce degli innovativi assorbenti,  denominati AfriPads, che sono lavabili, economici e che durano fino a un anno. Plan forma le bambine (oltre 400 finora) a usarli e gli adulti a venderli. “Le bambine che usano AfriPads si sentono più a loro agio” – racconta un’insegnante – “non saltano la scuola e giocano senza problemi cosa che non facevano prima”.


Interessante? Condividi: