Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Wendy è una delle tante ragazzine invisibili al governo del suo Paese.
Wendy è una delle tante ragazzine invisibili al governo del suo Paese. © Plan International
07/10/2016

Wendy e le ragazze "invisibili"

Come Wendy, tante ragazzine dello Zimbabwe sono costrette a lasciare la scuola e a diventare invisibili per il proprio governo. Il risultato è che sono ad alto rischio di abusi e di cadere nel giro della prostituzione locale.

Wendy ha 16 anni, vive nei sobborghi di Harare, Zimbabwe, è figlia di una prostituta. All'età di 13 anni è stata abusata dal compagno della madre e, costretta a lasciare la scuola per l'impossibilità di pagare le tasse scolastiche, non ha avuto altra via di "uscita" che seguire il mestiere di sua madre.

E per 3 anni Wendy regolarmente si è incontrata con uomini in un luogo frequentato da prostitute, guadagnando 2$, a volte non veniva neppure pagata, perché considerata ancora una bambina.

Ora ha avuto una seconda chance: è stata inserita in un progetto di Plan International Zimbabwe ed è ritornata tra i banchi. "Le mie amiche che non vanno scuola sono tutte diventate prostitute" - racconta tristemente Wendy - "sono felice di non dovermi più prostituire, non tornerò più indietro".

Wendy ha 16 anni, vive nei sobborghi di Harare, Zimbabwe, è figlia di una prostituta. All'età di 13 anni è stata abusata dal compagno della madre e, costretta a lasciare la scuola per l'impossibilità di pagare le tasse scolastiche, non aveva altra via di "uscita" che seguire il mestiere di sua madre.

E per 3 anni Wendy regolarmente si incontrava con uomini in un luogo di incontri frequentato da prostitute, guadagnando 2$, a volte non veniva neppure pagata, perché considerata ancora una bambina.

Ora ha avuto una seconda chance: è stata inserita in un progetto di Plan International Zimbabwe ed è ritornata tra i banchi. "Le mie amiche che non vanno scuola sono tutte diventate prostitute" - racconta tristemente Wendy - "sono felice di non dovermi più prostituire, non tornerò più indietro".


Interessante? Condividi: