Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Plan International Zimbabwe ha ricevuto il premio Advocacy per il grande lavoro svolto sul territorio contro i matrimoni prematuri. In centro Mary ex sposa bambina.
Plan International Zimbabwe ha ricevuto il premio Advocacy per il grande lavoro svolto sul territorio contro i matrimoni prematuri. In centro Mary ex sposa bambina. © Plan International
24/10/2016

Plan Zimbabwe premiata da MTV per la lotta contro i matrimoni prematuri

Una splendida notizia in casa Plan International: a Plan Zimbabwe è stato consegnato il prestigioso premio sull’advocacy durante la cerimonia degli MTV Music Awards per il lavoro fatto contro i matrimoni prematuri. L'evento si è tenuto sabato 22 ottobre 2016 al TicketPro Dome presso Johannesburg ed è stato visto da milioni di sudafricani.

MTV è venuta a conoscenza dell'importante lavoro che Plan International ha fatto e sta facendo nei confronti dei matrimoni prematuri, in particolare con il movimento Because I am a Girl e lo staff di MTV è stato colpito dalla commovente storia di Mary, una ragazza madre nonché ex sposa bambina che ha trovato accoglienza presso il centro di protezione di Plan Zimbabwe a Epworth, Harare.

Mary Taedzerwa ha ritirato il riconoscimento per il suo impegno nella lotta contro i matrimoni precoci.

La storia di Mary

Mai Mary avrebbe pensato di ritirare un premio così importante, non si sente un’eroina, ma crede che le vere eroine siano le ragazzine della sua comunità che ogni giorno hanno il coraggio di opporsi quando sono costrette a sposarsi ancora bambine. Il sogno di Mary è che tutte le giovani spose possano tornare a studiare e coloro che non sono ancora state fatte sposare vengano dissuase.

La storia di Mary ebbe inizio quando fu buttata fuori di casa dal padre e non ebbe altra scelta se non quella di trasferirsi dal suo ragazzo.

Avendo vissuto in estrema povertà con la sua famiglia, il pensiero di scambiare una vita di stenti per quella di una moglie fu ingenuamente sufficiente per convincerla a rinunciare alla scuola, sposandosi.

"In un primo momento, il matrimonio era bello e facile. Mio marito mi ha amato, allora" ricorda. "Dopo un anno, le cose sono cambiate. Improvvisamente ci furono momenti in cui mio marito diventava violento”.

L'abuso fisico continuò anche quando Maria scoprì di essere incinta. Dopo quattro anni di matrimonio e tre figli, decise di lasciare il marito: aveva solo 19 anni.

Mary prese i primi contatti con Plan International Zimbabwe durante un'iniziativa della ONG a favore dell'imprenditoria delle giovani madri.

Ben presto è diventata un'attivista contro i matrimoni prematuri a Epworth - un centro di protezione di Plan International che ospita adolescenti in gravidanza, spose bambine e bambine prostitute - incoraggiando le ragazze a tornare a scuola per costruirsi un'indipendenza economica. 

Cosa sta facendo lo Zimbabwe contro i matrimoni prematuri?

Sebbene il 20 gennaio 2016 è stata emanata una sentenza storica che dichiara anticostituzionale sposarsi prima dei 18 anni, tuttavia c’è ancora molto da fare: far modificare la legge sul matrimonio e altre leggi che potrebbero ancora favorire le unioni precoci nonché informare le comunità, i loro leader, i media e gli esponenti nazionali del governo dei rischi di un matrimonio prematuro.


Interessante? Condividi: