Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Una bambina durante il suo matrimonio.
Nella foto una bambina del Nepal durante il giorno del suo matrimonio con un anziano della comunità. ©Plan International/Paul Malakar
17/06/2015

Il terremoto del Nepal aumenta i matrimoni prematuri

In Nepal i matrimoni prematuri sono una realtà per il 41% delle bambine, con l'emergenza terremoto si andrà incontro a un amento delle bambine costrette a sposarsi. Plan Italia lancia l'adozione a distanza per 20 bambine nepalesi a rischio matrimonio. Unisciti a noi per salvarle!

Durante le emergenze si assiste a un aumento dei matrimoni prematuri per diversi fattori: la bambina sposa diventa un fattore determinante per chi ha perso tutto, inoltre la pratica del matrimonio prematuro viene vista come una misura “protettiva” che salva l’onore della famiglia, in quanto nelle crisi umanitarie si assiste a uno spostamento in massa di persone in campi di accoglienza dove le violenze sessuali sulle bambine sono molto frequenti.

In Nepal, dove i matrimoni prematuri sebbene vietati colpiscono il 41% delle bambine, si prevede che a causa del terremoto ci sarà un aumento della pratica nei prossimi 12-24 mesi. Plan International sta lavorando in Nepal per dare servizi sanitari, protezione e istruzione in spazi ad hoc per i bambini, in quanto se le bambine abbandonano la scuola, rischiano di diventare spose o vittime di traffico umano nei bordelli di Kathmandu e Delhi.

Plan International Italia, per supportare la sede in Nepal, lancia l’appello per far adottare a distanza 20 bambine nepalesi del distretto di Rautahat, colpito dal terremoto. Le bambine sono in attesa di donatori italiani che possano incoraggiarle anche con lettere a continuare gli studi.

 

 


Interessante? Condividi: