Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Nel villaggio di Beyenech Plan International ha sviluppato un progetto contro le mutilazioni genitali femminili.
Nel villaggio di Beyenech Plan International ha sviluppato un progetto contro le mutilazioni genitali femminili. © Meeri Koutaniemi
04/02/2016

Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili: il lavoro di Plan International

Il destino di Beyenech - che vive in un villaggio nel distretto di Bonazuria, in Etiopia - era quello di subire la mutilazione genitale femminile e diventare sposa bambina. Lo staff di Plan International ha cambiato il suo futuro. Nella Giornata contro le Mutilazioni Genitali Femminili Plan International spiega come lavora per eliminare tale orribile pratica.

In Etiopia la pratica della mutilazione genitale femminile è comune tra le bambine che entrano nella pubertà prima che vengano date in sposa, molto spesso a uno sconosciuto. Questo doveva essere il destino di Beyenech che, compiuti i 14 anni, voleva andare alla scuola secondaria. Il padre la considerava però una perdita di soldi, lui che era solito tornare a casa ubriaco e picchiare la moglie, e aveva invece deciso di farla sposare a un uomo molto più grande di Beyenech che avrebbe dovuto quindi essere mutilata.

In Bonazuria, un distretto dell'Etiopia dove vive la ragazzina, si crede che una bambina mutilata sarà una sposa casta e obbediente al marito. "Ero spaventata per il mio futuro" racconta Beyenech "non conoscevo l'uomo che dovevo sposare, sapevo di molte giovani spose che muoiono per le conseguenze del parto. Io volevo studiare e crearmi un futuro".  Beyenech decise di scrivere una lettera all'ufficio di Plan International che lavora nell'area.

Lo staff di Plan International ebbe un lungo incontro con il padre della ragazza spiegando le conseguenze negative delle mutilazioni genitali femminili e dei matrimoni precoci e il padre abbandonò l'idea della mutilazione e del matrimonio. Ai genitori fu dato denaro per comprare del bestiame, delle uniformi scolastiche per i figli e dei libri. Ora Beyenech frequenta la scuola secondaria e sogna di diventare medico o persino un membro del Parlamento per risolvere i problemi della gente che vive nella sua terra.

Plan International ha sviluppato un progetto per la salute delle bambine in diverse aree dell'Etiopia compresa la Bonaziura dove vive Beyenech e ora il 92% delle neonate non viene più sottoposto a mutilazione e in 14 comunità le mutilazioni genitali femminili sono state proibite.

Nella Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili, 6 Febbraio, Plan International sottolinea il suo impegno nello sradicare tale pratica, dialogando con ogni esponente della comunità: dai bambini, agli adulti, ai leader religiosi, ai funzionari, educando le persone alle conseguenze dannose delle mutilazioni, sostenendo volontari di comunità per diffondere le informazioni, supportando l’educazione delle bambine per prevenire sia i matrimoni prematuri sia le mutilazioni genitali femminili.


Interessante? Condividi: