Vuoi maggiori informazioni?

Brunella Pacia, Responsabile Comunicazione, Ufficio stampa e PR

Summit a Parigi sui diritti umani a cui partecipano 400 ragazze.
Summit a Parigi sui diritti umani a cui partecipano 400 ragazze. ©Plan International
11/10/2017

11 Ottobre: 400 ragazze invadono Parigi

L’11 ottobre, Giornata Internazionale della Bambina, Parigi si colora di rosa: 400 ragazze atttiviste dei diritti sono arrivate dalle varie parti del mondo per partecipare al summit sui diritti delle bambine, messo in piedi dalla nostra organizzazione umanitaria. Il summit si tiene all’Hotel de Ville.

Parigi diventa così capitale dei diritti delle bambine e della leadership al femminile, in questo modo vogliamo ricordare ai leader del mondo che milioni di ragazze vivono nella paura della discriminazione, della stigmatizzazione e della violenza, semplicemente per aver osato realizzare i loro sogni.

“La società può solo averne un beneficio se i diritti delle bambine e delle donne vengano rispettati” – spiega Raby, blogger della Guinea, tra le ragazze coinvolte al summit – “perché le donne sono il volano della società, una volta istruite, rappresenteranno la prossima generazione. Sogno un mondo dove le ragazze e i ragazzi abbiano pieni diritti”. 

I temi discussi riguardano la situazione attuale dei diritti delle ragazze, l’importanza del tutoraggio e di investire nel potere delle bambine.

Tanti gli ospiti presenti, da esponenti delle istituzioni, allo spettacolo, ai media, allo sport, si segnalano Ingrid Nilsen – che è diventata una delle più grandi YouTube influencer dopo aver intervistato Barack Obama sull’uguaglianza di genere – Mariane Pearl, giornalista e fondatrice di Chime for Change, Inna Modja, cantante pop maliana-francese e attivista contro le mutilazioni genitali femminili (FGM).

Durante la sessione di tutoraggio alcune grandi leader hanno ispirato con le loro storie e idee giovani attiviste, tra queste figura citiamo l'attivista femminista musulmana australiana-sudanese Yassmin Abdel Magied e Katja Iverson, direttore generale dell'organizzazione globale di advocacy Women Deliver.


Interessante? Condividi: